Dall’8 Agosto abbiamo finito le risorse del 2016 della Terra. Ora stiamo sovrasfruttando il Pianeta

(Reuters)

(Reuters)

(Wikipedia)

(Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Earth Overshoot Day, abbiamo finito le risorse del 2016 della Terra

Da oggi stiamo sovrasfruttando il Pianeta

Oggi è l’Earth Overshoot Day, cioè il giorno in cui la popolazione mondiale ha già consumato tutte le risorse terrestri – frutta e verdura, carne e pesce, acqua e legno – disponibili per il 2016 e così inizia a sovrasfruttare il pianeta. È il Global Footprint Network, un’organizzazione di ricerca internazionale, a calcolare la giornata, che ogni anno occorre prima poiché aumentano i consumi mondiali di natura. Nel 2015 è stata celebrata il 13 agosto, mentre nel 2000 fu a fine settembre.

“Emettiamo più anidride carbonica nell’atmosfera di quanto gli oceani e le foreste siano in grado di assorbire e deprediamo le zone di pesca e le foreste più velocemente di quanto possano riprodursi e ricostituirsi”, evidenzia l’organizzazione, secondo cui per soddisfare la domanda servirebbero 1,6 Pianeti. Se la popolazione globale vivesse come gli italiani, ci sarebbe bisogno di 2,7 Terre. Per soddisfare la domanda degli italiani con le sole risorse nazionali, invece, ci vorrebbero 4,3 Italie.

Il taglio della CO2 è l’obiettivo dell’accordo internazionale sul clima siglato a Parigi nel dicembre scorso. Un obiettivo che, per il Global Footprint Network, “richiede di trovare un nuovo modo di vivere ma è raggiungibile con le tecnologie disponibili, ed è economicamente vantaggioso”.

Allo stesso tempo, sottolinea l’organizzazione, come singole persone ognuno può impegnarsi per il cambiamento del proprio stile di vita quotidiano. In quest’ottica è nata la campagna #pledgefortheplanet, impegnati per il pianeta, in cui si sceglie un impegno – dal ridurre il consumo di carta all’organizzare una cena ‘veg’ tra amici – e si condivide sui social media un selfie che lo testimonia.

(Redazione ANSA ROMA 08 agosto 2016)

Posted in Senza categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *